HELP CERCO FAMIGLIA.. ​Per due fratellini italiani un futuro senza povertà

shinystat.cgi?USER=cervigabriele
Per due fratellini italiani un futuro senza povertà
Emilio (5 anni) e Luca (4 anni) sono due sani fratelli con un passato difficile. I genitori si sono trasferiti da un’altra regione recentemente, essendo rimasti privi di risorse materiali per vivere e sperando nell’aiuto di parenti presenti in Lombardia. Purtroppo hanno avuto difficoltà a reperire un alloggio ed un lavoro, hanno vissuto anche di accattonaggio, utilizzando ricoveri di fortuna (stazioni ferroviarie, auto, ospiti di parenti o volontari) e si sono sostentati con cibi in scatola e panini. Sono intervenuti i Servizi Sociali per proteggere i bambini e li hanno inseriti in una Comunità per minori. All’inizio i due fratelli erano estremamente spaventati e diffidenti verso tutti, poi si sono gradualmente ambientati. Il loro sviluppo è stato compromesso dalle condizioni ambientali di deprivazione in cui sono vissuti, ma, amorevolmente accolti e adeguatamente stimolati, hanno compiuto progressi rapidi e significativi. Hanno un rapporto molto stretto, all’inizio di protezione e controllo, successivamente più equilibrato e permeato da un profondo affetto. Necessitano entrambi di essere riconosciuti e apprezzati come individui dotati di un proprio valore e di una propria personalità. Mantengono, in ambiente protetto, i contatti con i genitori, che, pur cercando un’occupazione, non dimostrano sufficienti capacità genitoriali. Cerchiamo per loro un nucleo famigliare che li accolga, dando loro l’affetto di cui hanno bisogno, che sappia sostenere le loro debolezze e realizzare le loro potenzialità.
Info: Cam, Ufficio affidi, via Vincenzo Monti 11, 20123 Milano (chiedere di Franca Assente), tel. 02.48513608 dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30. Email affidi@cam-minori.org.

shinystat.cgi?USER=cervigabriele

 

 

HELP CERCO FAMIGLIA.. ​Per due fratellini italiani un futuro senza povertàultima modifica: 2016-03-14T20:18:36+00:00da xweci
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento